Istituto

/Istituto
Istituto2018-03-22T10:41:20+00:00
Valori pedagogici

L’Istituto Comprensivo di Milano ha avuto inizio nel 1939 a Crescenzago, quando le Suore del Preziosissimo Sangue furono chiamate nel rione dal Parroco Don Giuseppe Del Corno, per far sorgere in zona una scuola per l’alfabetizzazione degli abitanti. Le prime suore, pendolari dalla casa madre di Monza, passavano da un cortile all’altro radunando i bambini, ai quali spiegavano il catechismo, intrattenevano con giochi e varie attività ricreative. Oggi l’istituto Comprensivo di Milano, inserito in uno dei contesti più multietnici della città, conta circa 500 allievi.

Il suo orientamento, così come quello di tutte le scuole preziosine, è finalizzato all’educazione integrale della persona, all’armonizzazione tra ragione e spirito, educazione e arte, tecnologia, scienza e salute, comunicazione, linguaggio e lingue.

Per raggiungere questo obiettivo ci impegniamo a cercare una sintesi tra cultura, fede e vita, formando le coscienze, educando il pensiero critico e compiendo scelte etiche.

Ci prendiamo cura di tutte le dimensioni della persona: cognitiva, affettiva, etica e spirituale, per sviluppare i talenti, le inclinazioni e le capacità interpersonali di ciascun alunno, nel quadro delle competenze chiave di cittadinanza europee.

Il nostro curricolo di scuola si sviluppa attraverso quattro aree fondamentali, ognuna di esse finalizzata al raggiungimento di un obiettivo specifico: incontrare il mistero in noi e al di fuori di noi (area religiosa), ampliare il nostro punto di vista (area dei saperi socio-ambientali), esplorare lo spazio che ci circonda (area del movimento) e coltivare un’efficace continuità educativa e didattica attraverso la costruzione di un cammino unitario dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola Secondaria di I grado, fondato sulla condivisione di attività, di ambienti e di prospettive culturali e formative per gli alunni ed i docenti (area della continuità scolastica).

Scarica il PTOF
Intercultura

La dimensione interculturale è il dialogo attraverso cui ogni giorno si anima lo spirito di accoglienza delle diversità, sociali e culturali. L’attitudine interculturale, dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola Secondaria di I grado, mira a costruire e potenziare una risposta alle esigenze del mondo contemporaneo, attraverso una didattica fatta di progetti per connettere se stessi agli altri, fatti, idee, concetti, discipline.

La risorsa dell’intercultura permette di includere positivamente le nuove cittadinanze e di creare all’interno delle classi e della scuola, un clima relazionale di apertura e dialogo, per sviluppare solidarietà e comprensione reciproca tra gli insegnanti e gli allievi di contesti linguistici e socio-culturali diversi. Inoltre, si contribuisce alla lotta contro pregiudizi e stereotipi, nonché contro al razzismo e la xenofobia, interpretando i bisogni del territorio sulla base della dimensione europea e mondiale.
La risorsa del potenziamento della lingua inglese in particolare ha l’obiettivo di promuoverne l’uso attivo in contesti accademici così come in quelli naturali, stimolando apertura mentale ed espressività comunicativa.

Musica Arte Sport

In armonia con il carisma preziosino, incoraggiare e sostenere la creatività nella vita di tutti i giorni è ciò che nelle nostre scuole avviene sin dall’Infanzia. Le risorse dell’arte nutrono lo sviluppo cognitivo e relazionale dei nostri allievi, offrendo loro una prospettiva sulla vita ricca di affettività ed immaginazione.

Nell’ottica della continuità verticale educativa e didattica, il nostro Istituto prevede l’insegnamento della musica dalla Scuola dell’Infanzia (propedeutica musicale) alla Secondaria di I grado. È presente infatti l’indirizzo musicale, facoltativo dalla terza classe della Scuola Primaria fino alla terza classe della Scuola Secondaria di I grado (decreto ministeriale DM n. 8/2011) offrendo agli alunni la possibilità della pratica di uno dei seguenti strumenti: chitarra, tromba, flicorno tenore, flauto traverso, clarino, saxofono, violino, violoncello, batteria e percussioni.

Anche la pratica sportiva è curata con particolare attenzione, grazie alle strutture presenti all’interno dell’Istituto dove è possibile praticare, dall’Infanzia alla Secondaria di I grado, differenti attività quali: giocosport e avviamento allo sport (per i più piccoli), minitennis, minicalcio, minibasket, minivolley, basket e volley.

Inclusione

Nelle nostre scuole anche il soggetto più debole e indifeso deve sentirsi “l’atteso”, anzi “il preferito”, e trovare calore umano e cordialità, avere la possibilità di essere ascoltato e avere risposte adeguate ai propri bisogni, sentirsi parte integrante di un sistema organizzato e laborioso.

Le fragilità sia di tipo affettivo che relazionale, nonché cognitive e di apprendimento, anche legate ai bisogni educativi speciali, alla dislessia e alle difficoltà specifiche di apprendimento e alle disabilità, vengono accolte, assunte e studiate nei loro particolari dal team docente per potenziare e permettere prioritariamente lo sviluppo armonico, l’autonomia della persona e le strumentalità di base.

La grande sensibilità nei confronti delle fragilità non impatta negativamente la qualità della nostra offerta formativa, come mostrano i dati delle prove INVALSI degli ultimi anni, dove i nostri studenti si posizionano al di sopra della media regionale.

Accreditamenti

Le nostre scuole hanno ottenuto la parità con Decreto Ministeriale nel 2001.

Rette

Diamo particolare attenzione e sostegno, secondo le nostre possibilità, alle fragilità economiche, sociali e culturali di molte famiglie. Le rette, nonostante la qualità dell’offerta formativa, hanno l’obiettivo di garantire nel tempo la continuità della nostra opera educativa.

SCARICA LA RETTA